PUO’ AVERE EFFETTI INDESIDERATI.

Nel leggere di questi “Effetti” ho subito pensato: “Dannazione la combinazione dei due può generare un cocktail letale per il buonumore in qualsiasi individuo.

Nello specifico la ricetta malsana prevede:

  • ⅔ Effetto Forer
  • ⅓ Effetto Pigmalione
  • 2 Gocce di Ingenuità
  • Abbondante ghiaccio
  • 1 Scorza di lime

Shakerare energicamente e servire immediatamente per rovinarsi le giornate.

Continua a leggere “PUO’ AVERE EFFETTI INDESIDERATI.”

Annunci

Anteprima Corso di Comunicazione (MI)

Ciao, mi fa molto piacere poterti invitare alla serata gratuita di presentazione del mio corso “Comunica Efficacemente nella Vita e nel Business” del 8 Giugno. Se quella sera tu non riuscissi a venire ma vuoi qualche info in più per il corso super divertente che si terrà il 16 Giugno Scrivimi.
 Presentazione Artegiano

Come godere ogni attimo della tua vita e guadagnare tempo libero.

Oggi voglio condividere con te una strategia per goderti al 300% i momenti migliori della tua vita. Una strategia tanto semplice e tanto efficace che spesso ci dimentichiamo di utilizzare.

Ti ho già raccontato in un precedente articolo di quando ho vissuto qualche tempo in Inghilterra a Cambridge e la mattina lavoravo in una scuola nel piccolo villaggio di Wilburton. Ero solito riempire il mio lunch box con tutto quello che mi capitava a tiro la mattina, ma ricordo bene quel giorno in cui durante la pausa di metà giornata trovi della succulentissima, profumata e gigantesca uva bianca senza semi.

Come se fossi un bambino la notte di Halloween con le caramelle; iniziai a sbranare un acino dopo l’altro,  proprio come un fanciullo in assuefazione da zuccheri non gustavo il sapore acidulo dolciastro del frutto e il mio pensiero era solo quello di addentarne un altro dal raspo e poi un altro e un altro ancora. Continua a leggere “Come godere ogni attimo della tua vita e guadagnare tempo libero.”

Fra obiettivi e cervello umano: 3 step per ottenere risultati straordinari

Vuoi diventare una versione migliore di te stesso? Puoi. Con la strategia adatta puoi.

Probabilmente ti sarà già capitato di pensare a come saresti nei panni di una versione migliore di te stesso. E se è così, sicuramente sarai consapevole del fatto che quando una persona mira all’eccellenza, poi è anche utile che rifletta bene su quale strategia mettere in atto per raggiungerla. Guarda “Catena di Pensaggio”: se Marco ed io avessimo deciso di aprire un blog senza pianificare un modo per riuscirci, sicuramente non staresti leggendo questo articolo ora. È bene puntare in alto ed è produttivo scegliere un piano d’azione coerente per arrivarci.

Immagina te stesso fra 5 anni. Chi sarai? Che tipo di persone frequenterai? Quali obiettivi avrai raggiunto? Quali nuove capacità avrai sviluppato? E soprattutto: quali azioni avrai portato a termine per riuscirci? Continua a leggere “Fra obiettivi e cervello umano: 3 step per ottenere risultati straordinari”

33 Volte SI!

Lunedì 20 Giugno.

Ricordo bene quel giorno perchè era uno degli ultimi di un favoloso Master Practitioner (2° livello di specializzazione in PNL) intensivo della durata di 8 giorni, tenutosi nella soleggiata Milano Marittima.

Luca un ragazzo del corso mi invita a giocare in riva al mare a beach volley, io accetto volentieri l’invito e rendo subito noto che il mio livello si posiziona su “Super Brocco”.

Luca risponde  che va benissimo, tanto è solo una scusa per stare in compagnia e per sgranchire un po’ le gambe. Continua a leggere “33 Volte SI!”

La potenza del linguaggio: tutto forma e niente contenuto?

Ogni giorno comunichiamo. Comunichiamo con conoscenti, con sconosciuti e con noi stessi (in quest’ultimo caso, in un onnipresente dialogo interiore). Comunichiamo di continuo: ecco perché è fondamentale farlo bene. Se continuiamo a parlare fregandocene dello straordinario potere del nostro linguaggio, poi questo può portare a continui fraintendimenti, relazioni poco sane e litigi intramontabili.  

Ad alcune persone può capitare di avere delle idee a dir poco geniali e di non saperle comunicare nel modo più utile. Perché a volte il contenuto del nostro messaggio può contare davvero poco e invece spesso il come comunichiamo è ciò che fa la differenza. La forma ha una grossa fetta di importanza nel messaggio che vogliamo trasmettere ed è un po’ come se la forma generasse a sua volta parte del contenuto stesso. Il come genera il cosa.

Un novizio chiese al priore: “Padre, posso fumare mentre prego?” e fu severamente redarguito. Un secondo novizio chiese allo stesso priore: “Padre, posso pregare mentre fumo?” e fu lodato per la sua devozione.

Questa è solo una delle tante storielle che sono capaci di sottolineare l’importanza della forma, che a detta di molti può valere più del contenuto. E su questo punto probabilmente è d’accordo anche Matteo Rampin, psicoterapeuta autore di parecchi libri sul potere che il linguaggio può esercitare sulle nostri menti. Proprio con questa breve storia, infatti, comincia uno dei suoi libri più famosi ed apprezzati: “Al gusto di cioccolato” (Ed. Ponte alle Grazie), un manuale di autodifesa dalle manipolazioni linguistiche. Le due domande poste dai due novizi sono composte esattamente dallo stesso contenuto. La differenza sta nella forma, che fa passare due messaggi diversi ottenendo quindi due risposte diverse dal priore. Due parole in ordine diverso che cambiano il significato del messaggio o, meglio, che modificano il significato che il priore percepisce, perché in realtà, a livello puramente semantico, le parole sono le stesse. Non basta scegliere le giuste parole… serve anche il giusto ordine. “Le parole giuste, nel giusto ordine®”, come direbbe in questo caso Paolo Borzacchiello, massimo esperto di intelligenza linguistica, autore di libri bestseller e consulente di comunicazione strategica di altissimo livello.

Comunichi ogni istante e la qualità delle parole che usi può variare la qualità dei risultati che puoi ottenere. Soprattutto se il tuo interlocutore è… la vocina del tuo dialogo interiore. E l’ordine delle parole che usi vale tanto quanto le parole stesse. 

E ricorda: non è tanto rilevante il significato che attribuisci TU alla tua comunicazione, quanto il significato che attribuiscono GLI ALTRI alla tua comunicazione. E… no, non vale il tanto noto quanto poco utile “sono responsabile di quello che dico, non di quello che capisci tu”.

E se vuoi davvero far viaggiare la tua comunicazione su una strada spianata, allora sono due i punti su cui fare leva: forma E contenuto.